Nuovi standard per i consumi delle auto

Più vicino ai consumi reali: il WLTP rivede i consumi.

Da settembre 2017, per la misurazione dei consumi dei nuovi veicoli immessi sul mercato viene utilizzato il nuovo standard WLTP. WLTP è l’abbreviazione di Worldwide Harmonized Light-Duty Vehicles Test Procedure e rappresenta un metodo di controllo standardizzato a livello mondiale per il rilevamento dei consumi e delle emissioni di gas di scarico. Qui puoi scoprire che cosa significa concretamente questo metodo per te e per la tua ŠKODA.

Più chiarezza, grazie al WLTP.

WLTP rivoluziona i metodi di misurazione e controllo delle Case automobilistiche. Di seguito ti offriamo una descrizione generale della nuova prassi.

Cos’è il WLTP?

Chi intende acquistare un’auto, si informa sui consumi e sui valori delle emissioni.

Quanto consuma un veicolo? Oggi ŠKODA, grazie al ciclo di marcia standardizzato WLTP, può rispondere a questa domanda in modo molto più preciso. Perché il nuovo metodo di misurazione dei consumi di carburante è molto più vicino al comportamento di marcia quotidiano. E da settembre 2017 sostituisce lo standard NEDC.
WLTP è l’abbreviazione di Worldwide Harmonized Light-Duty Vehicles Test Procedure. In italiano significa “procedura di controllo armonizzata per veicoli commerciali leggeri” e indica una nuova metodologia di controllo che stabilisce i consumi di un veicolo. In futuro, sulla base dei dati reali raccolti a livello mondiale, sarà possibile simulare un impiego del veicolo simile alla realtà anche in condizioni di laboratorio. In tal modo il WLTP prende in considerazione non solo differenti situazioni e velocità del traffico stradale, ma anche differenti varianti di allestimento e classi di peso di un’auto.

Buoni motivi per il WLTP

Sulla base di dati di marcia reali raccolti a livello mondiale, in futuro il WLTP fornirà dati di consumo più realistici.

I consumi di un veicolo possono variare dai dati forniti dalla Casa costruttrice. Ciò dipende dal fatto che i consumi reali dipendono fortemente dal comportamento di marcia individuale e dall’equipaggiamento di ciascun singolo veicolo. Per esempio è decisivo che il veicolo venga impiegato prevalentemente nel traffico urbano, su strade extraurbane o in autostrada. Per poter ponderare tali differenze, a partire dalle condizioni teoriche del ciclo NEDC è stato sviluppato un profilo di guida dinamico, basato su rilevamenti statistici e sull’analisi dei profili medi degli utilizzatori: complessivamente vengono considerate maggiori accelerazioni, una velocità media più elevata e una velocità massima superiore. Anziché simulare ciclo urbano e ciclo extraurbano in un calcolo combinato, il veicolo viene ora testato in quattro fasi caratterizzate da differenti range di velocità.
Questi valori dei gas di scarico e dei consumi misurati secondo il WLTP devono essere indicati dal 1° settembre 2017 per i modelli di vetture e motori di nuova introduzione. Ciò vale in Europa e in molti altri Paesi a livello mondiale.

NEDC e WLTP

Dall’autunno 2017 il metodo di misurazione NEDC viene sostituito dal WLTP. Nuovi parametri dei test assicurano valori più realistici.

Il nuovo test prevede un differente ciclo di marcia e specifiche di controllo più restrittive, che includono tra l’altro intervalli di tempo della misurazione più lunghi e una maggiore velocità massima. Di seguito una panoramica delle novità.
A partire dall’avviamento a freddo, sul banco di prova a rulli vengono misurati quattro range di velocità: da 60, a 80, a 100 o oltre 130 km/h. All’interno di queste fasi si susseguono ripetutamente accelerazioni e frenate. La velocità massima è, di conseguenza, di 10 km/h più elevata rispetto al ciclo NEDC. Inoltre la velocità media misura circa 47 km/h, anche in questo caso quindi ben al di sopra del valore precedente (circa 33 km/h). Nella camera dei test è prescritta una temperatura di 23 °C, fino ad oggi il ciclo NEDC prescriveva da 20 a 30 °C. Il ciclo di marcia WLTP complessivo dura circa 30 minuti, rispetto ai soli 20 del NEDC. Anche la lunghezza del tragitto è aumentata, risultando oggi più che raddoppiata: 23 anziché 11 chilometri. Diversamente dal ciclo NEDC, il WLTP prende in considerazione anche specifici equipaggiamenti a richiesta relativamente al peso, all’aerodinamica e al fabbisogno della rete di bordo (corrente a riposo). Gli equipaggiamenti a richiesta ad elevato consumo di corrente, come il climatizzatore o il riscaldamento dei sedili, sono esclusi dal metodo di controllo oggi come in passato.

NEDC vs WLTP: profili a confronto

Percorsi lunghi, pause brevi: con il WLTP, il metodo di controllo per la misurazione dei consumi e delle emissioni di CO2 di un veicolo approda sul banco di prova. I cicli di marcia si differenziano così.

Il ciclo di marcia standardizzato NEDC vale per tutti i veicoli adibiti al trasporto di persone e i veicoli commerciali leggeri. È stato introdotto dall’Unione Europea nel 1992 per rilevare i consumi e le emissioni degli specifici veicoli e per ottenere valori comparabili. Qui puoi osservare in breve le condizioni di base generali per l’effettuazione delle misurazioni.

Panoramica del ciclo NEDC.
• La temperatura nella camera di test misura da 20 a 30 °C.
• La lunghezza del tragitto misura 11 km.
• Il ciclo dura 20 minuti.
• Il ciclo si compone di due fasi: per 13 minuti viene simulato il ciclo urbano, per 7 minuti il ciclo extraurbano.
• La velocità media è circa 33 km/h.
• La percentuale dei tempi di fermo misura il 25%.
• La velocità massima è 120 km/h.
• I punti di innesto per modelli con cambio manuale sono prescritti in modo preciso.
• Equipaggiamenti a richiesta e climatizzazione non vengono presi in considerazione.

Il Worldwide Harmonized Light-Duty Vehicles Test Procedure, in breve WLTP, è un controllo armonizzato a livello mondiale per veicoli adibiti al trasporto di persone e veicoli commerciali leggeri. A partire dal 1° settembre 2017 assicura dati sui consumi più realistici grazie a parametri dei test nettamente più dinamici. Qui puoi scoprire quali sono questi parametri.

Panoramica del WLTP
• La temperatura nella camera di test misura 23 °C.
• La lunghezza del tragitto misura 23 km.
• Il ciclo dura 30 minuti.
• Si compone di quattro fasi (low, medium, high, extra-high).
• La velocità media è circa 47 km/h.
• La percentuale dei tempi di fermo misura il 13%.
• La velocità massima è superiore a 130 km/h.
• I punti di innesto vengono precedentemente calcolati in modo specifico per ciascun veicolo.
• Confluiscono nella valutazione anche peso del veicolo ed equipaggiamenti supplementari.
• La misurazione viene eseguita per tutte le combinazioni di motori e cambi possibili.

Obiettivi del nuovo metodo di misurazione

Con il ciclo di marcia WLTP vengono ridefiniti i parametri dei test per il rilevamento dei consumi e delle emissioni di gas di scarico. I vantaggi in sintesi.


Trasparenza

In futuro sarà possibile stimare con maggiore esattezza i consumi effettivi di un veicolo nell’uso quotidiano.

Il WLTP prende in considerazione un profilo di guida più vicino all’uso quotidiano rispetto allo standard NEDC. Quest’ultimo, infatti, è simile a un test sintetico di laboratorio e serve in primo luogo a consentire la confrontabilità di differenti veicoli, senza rispecchiare in modo realistico i consumi reali. Se quindi fino a oggi i consumi venivano misurati in condizioni di laboratorio astratte, il nuovo metodo consente una previsione più precisa dei consumi effettivi di un veicolo grazie a migliori parametri del test. Il WLTP si pone l’obiettivo di simulare il comportamento di marcia realistico, offrendo così risultati molto più realistici.

Standard

Il nuovo standard WLTP assicura risultati del test raffrontabili a livello mondiale.

Uno degli obiettivi principali del metodo WLTP è ottenere un rilevamento standardizzato delle emissioni di gas di scarico e del consumo energetico per le differenti modalità di trazione, come per esempio benzina, Diesel, gas metano o corrente. Con il ciclo WLTP, eseguendo correttamente la procedura di misurazione, un veicolo di un medesimo modello deve fornire lo stesso risultato del test in tutte le aree del mondo. È anche la necessità di questa confrontabilità ciò che rende indispensabile una misurazione in laboratorio. Pertanto consumi ed emissioni vengono rilevati sul banco di prova, in modo affidabile e rappresentativo, simulando un profilo di guida dinamico.



Tutela del clima

Dati sui consumi più realistici contribuiscono a raggiungere gli obiettivi internazionali sul clima e sulla tutela dell’ambiente.

La riduzione di CO2 è un tema centrale nello sviluppo dei veicoli. Grazie al WLTP è possibile verificare in modo tracciabile l’osservanza delle specifiche internazionali sui valori limite delle emissioni di CO2. Nell’anno 2010, nella sola UE sono stati emessi 4,72 miliardi di tonnellate di CO2, il 19% dei quali a causa del traffico stradale*. Pertanto l'Unione Europea vuole ridurre le emissioni del 20% entro il 2020**. Si tratta di un obiettivo raggiungibile attraverso l’implementazione del WLTP. Perché come i consumi, anche le emissioni di CO2 di un veicolo dipendono dal modello. Il WLTP garantisce una maggiore trasparenza nel raffronto tra i consumi energetici e le emissioni di CO2 di differenti veicoli. I valori di misurazione sono quindi indipendenti dalle Case automobilistiche e dal modello di veicolo. E sono tendenzialmente superiori a quelli del ciclo NEDC. È pertanto possibile prevedere che singoli modelli e i relativi motori verranno ottimizzati ai fini della tutela del clima.

Risparmiare carburante è semplice

I consumi della tua auto dipendono da molti fattori sui quali non puoi influire. Tuttavia puoi limitare in misura significativa i tuoi consumi seguendo alcuni semplici consigli.

Domande e risposte

Le domande più importanti e le risposte sui nuovi valori di consumo.

Cos’è un ciclo di marcia?
Un ciclo di marcia stabilisce in quali condizioni devono essere misurati i consumi di carburante e le emissioni di CO2 di un veicolo. L’obiettivo è simulare un impiego del veicolo medio quanto più possibile realistico. Affinché le Case automobilistiche possano fornire valori confrontabili per l’immatricolazione e la vendita dei loro veicoli, il ciclo di marcia prescrive determinate condizioni generali, quali per esempio temperatura di avviamento, velocità e durata della misurazione.

Cos’è il ciclo NEDC?
Il nuovo ciclo di guida europeo (sigla: NEDC, dall’inglese New European Driving Cycle) è stato introdotto il 01/07/1992 dall’Unione Europea. Questo standard doveva garantire il rilevamento delle emissioni e dei consumi degli specifici veicoli e consentire una migliore confrontabilità dei diversi veicoli, ma non aveva la pretesa di rispecchiare i consumi reali nell’uso effettivo quotidiano.

Cos’è il WLTP?
Da settembre 2017, con il Worldwide Harmonized Light-Duty Vehicles Test Procedure, in breve WLTP, viene introdotto un ciclo standardizzato a livello mondiale. Il WLTP prende in considerazione un comportamento di marcia più vicino all’uso quotidiano rispetto allo standard NEDC. Il nuovo metodo ha l’obiettivo di rispecchiare in modo più realistico i consumi effettivi di un veicolo ed è basato su un ciclo di test diverso, caratterizzato da specifiche di controllo più restrittive.

Qual è la differenza fra NEDC e WLTP?
Il ciclo di controllo NEDC introdotto dall’Unione Europea nel 1992 non è più attuale e non è in grado di illustrare in modo realistico il comportamento di marcia individuale nell’uso quotidiano. Oggi il nuovo standard WLTP deve garantire che le emissioni e i consumi misurati per l’omologazione di un modello corrispondano ai dati risultanti dall’esercizio di marcia reale. Si differenzia quindi dallo standard NEDC sia per il metodo sia per il ciclo di marcia vero e proprio. I parametri del test ridefiniti sono per esempio la maggiore distanza coperta dal test, tempi di percorrenza maggiori, tempi di fermo inferiori, maggiori velocità medie e la ponderazione degli equipaggiamenti a richiesta. Queste novità determinano di norma dati sui consumi più elevati.

Da quando entra in vigore il WLTP?
Il nuovo ciclo WLTP entra legalmente in vigore dal 01/09/2017. Da settembre 2017 i modelli di autovetture e i motori di nuova introduzione devono essere contrassegnati dalle Case costruttrici con i valori di consumi ed emissioni rilevati con il metodo WLTP. Dal 01/09/2018 dovranno poi essere contrassegnati con i valori di consumi ed emissioni allo scarico WLTP tutti i veicoli nuovi, anche quelli già esistenti.

La gamma ŠKODA subirà modifiche?
No, ad oggi non sono previste variazioni della gamma dei modelli. Singoli modelli e i relativi motori devono essere ottimizzati per raggiungere un’efficienza ancora maggiore e un ulteriore abbassamento delle emissioni conformemente ai valori prescritti, ma nessun modello verrà eliminato a causa del WLTP.

Esistono anche altri metodi?
Sì, esistono. I cicli di marcia sviluppati in Giappone (JC 08) e negli USA (FTP 75) per la misurazione dei gas di scarico e dei consumi sono fortemente orientati in funzione delle situazioni specifiche del traffico urbano che caratterizzano i rispettivi Paesi. Il ciclo di marcia giapponese, per esempio, contiene molte fasi “stop and go” e sono previste due tipologie di marcia: una con avviamento a freddo e una dopo un avviamento a caldo.